Colpa di chi? – Davide Calì e Regina Lukk-Toompere

colpa di chi

Tempo di lettura del post: 2 minuti

– “Mamma a scuola ci stanno insegnando una canzone dove c’è un topolino che un signore compra al mercato…”

– “Certo! Alla fiera dell’est!”

Fabio mi guarda con lo stupore che hanno i bambini quando non si aspettano che tu possa sapere così tante cose e non immaginano invece che, semplicemente, la canzone di Branduardi ha ormai parecchi anni. L’abbiamo ricantata insieme, poi ha condiviso ciò che aveva appreso a scuola, ossia che il testo va un pochino avanti e poi torna indietro.

Una struttura narrativa che procede a ritroso l’ho ritrovata in questa nuova favola scritta da Davide Calì e illustrata dall’artista estone Regina Lukk-Toompere. La trama si costruisce attraverso un percorso che porta alla genesi dei fatti, quando il protagonista va alla ricerca del movente originario che ha provocato il punto di rottura.

Un orso guerriero procede lungo il bosco brandendo la spada come se tutto il mondo fosse di sua proprietà e fosse anche disposto a essere tagliato in due. Così, affetta tutto ciò che incontra, rami, piante, frutti; fermandosi solo quando è colto dalla fame. Solo allora torna a rintanarsi nel fortino da lui costruito. L’acqua fuggita alla diga travolge, un giorno, il suo riparo e l’orso va su tutte le furie. Deve assolutamente sapere chi è il colpevole e, ovviamente, tagliarlo in due.

É qui che la trama si sviluppa a catena, procedendo dal presente al passato e rivelando, pagina dopo pagina, i fatti che hanno causato l’apertura della diga. L’orso si scontra con una serie di vicende collegate tra di loro e, per fortuna, non può affettare nessuno. Verso l’epilogo, la linea narrativa si curva per chiudersi a cerchio quando il protagonista scopre che il colpevole che cercava con tanta rabbia altro non è che… lui stesso.

Ho finito di leggere questa favola e mi sono trovata con il sorriso sulle labbra, affascinata dalle minuziose illustrazioni dell’artista estone che non conoscevo e che ho scoperto anche leggendo questa intervista per Frizzifrizzi. Il racconto suggerisce quanto la distinzione tra “oppresso” e “oppressore” non è poi così netta o assoluta, come descrive lo psicologo Giulio Cesare Giacobbe nel best seller Come smettere di fare la vittima e non diventare carnefice (Mondadori, 2010). Alla fine, tutto si può aggiustare e non tutto è come sembra.

Titolo: Colpa di chi?
Autore, illustratore: Davide Calì, Regina Lukk-Toompere
Editore: Kite
Anno: 2022

Autore

  • Ester

    Non sai cosa leggere? Cerchi racconti da leggere ad alta voce ai bambini? Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità editoriali? Vuoi conoscere i titoli da leggere almeno una volta nella vita? Allora tieni d’occhio le recensioni sul sito. You’re welcome!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *