3 libri che i genitori devono assolutamente leggere

libri-genitori

Tempo di lettura del post: 4 minuti

Essere genitore significa anche compiere scelte di continuo e, tra queste, c’è sicuramente quella relativa allo stile educativo che si desidera adottare, ossia la ricerca dell’approccio di cura e relazione che si sente maggiormente allineato con i propri principi, credenze e abitudini. Ho selezionato tre libri (e qualcuno in più) che, a mio avviso, non dovrebbero mancare tra le letture di chi si prende cura dei piccoli e che semplificano alcuni aspetti del ruolo genitoriale. Tre titoli che sostengono l’educazione naturale, la lotta allo spreco e la relazione autentica. Te li presento, uno alla volta, in questo articolo.

Bebé a costo zero, di Giorgia Cozza

Bebe-a-costo-zero-

Quanto costano i figli? Viviamo in una società in cui tutto si misura con il denaro, persino gli avvenimenti dettati dalla natura e che, a ragion di logica, non dovrebbero richiedere alcun costo monetario. Dovrebbero esistere (essere) al di là del potere d’acquisto. Eppure non è così, si spende molto, troppo e forse di più. I bisogni sembrano non avere mai fine. Ma è forse la nostra percezione di bisogno e di “ciò che serve assolutamente” a essersi, nel tempo, fuorviata?

Mi piace allora rileggere questa riflessione nel libro che Giorgia Cozza ha dedicato proprio alle esigenze di una nuova vita che arriva in famiglia, riportando l’attenzione a quel naturalismo troppo spesso dimenticato in favore di un illogico consumismo. Il saggio s’intitola Bebé a costo zero. Guida al consumo critico per accogliere e accudire al meglio il nostro bambino ed è edito da Il leone verde, collana Il bambino naturale (2016).

Ciò che serve al bambino è davvero molto meno di quel che viene offerto dal marketing ed è, perdipiù, qualcosa che non è acquistabile sul mercato. Senza alcun giudizio sulle scelte genitoriali, l’autrice sottolinea anche l’aspetto, non meno importante di quello economico, legato all’impatto ambientale causato dalla produzione e dal consumo di quei beni e prodotti che, se ci fermassimo a pensare, eviteremmo quasi certamente di possedere.

Una guida scorrevole, ricca di esempi, che aiuta a comprendere ciò che è realmente utile e necessario nella gestione quotidiana dei neonati. Aiuta inoltre a conoscere le possibili alternative ai prodotti e agli ausili che le neo-mamme percepiscono troppo spesso come irrinunciabili.

Se sei un genitore o lo stai per diventare, ti consiglio di leggere questo prezioso libro e, poi, il seguito: Bebé a costo zero crescono. Meno oggetti e più affetti per crescere felici dalla prima infanzia alle soglie dell’adolescenza, (2016)che sposta la riflessione sulle spese necessarie per i bambini durante la loro crescita.

Portare i piccoli, di Esther Weber

portare i piccoli

Il secondo titolo è uno dei più noti testi di approfondimento di una pratica che è un po’ complicata da apprendere ma, una volta riusciti, offre non pochi benerici alla cura e alla relazione adulto-bambino. Portare i piccoli è un libro chiave sull’arte del “portare”, scritto dalla svizzera (e mia omonima ma con un acca in più) Esther Weber che iniziò a dedicarsi all’argomento alla nascita della prima figlia, realizzando il sito di divulgazione www.portareipiccoli.it

Un libro potente e promotore dell’ascolto autentico nei confronti della nostra natura, verso i bisogni dell’infanzia e le caratteristiche del bambino durante tutta la sua evoluzione. L’esperienza ha ormai confermato che quella del portare in fascia è una pratica che intensifica il legame tra adulto e bambino, capace di donare la continuità necessaria alla rassicurazione psichica data dal contemimento presente nella vita intrauterina. In tal modo, il bambino potrà abituarsi gradualmente al mondo esterno.

Nel saggio, oltre al significato psicologico, pedagogico, fisiologico, biologico e culturale del “portare i piccoli”, l’autrice descrive gli aspetti pratici, le tecniche e le tipologie di supporti che si possono utilizzare per vivere questo modello di cura ad alto contatto.

Come parlare perché i bambini ti ascoltino & come ascoltare perché ti parlino, di Adele Feber e Elaine Mazlish

come parlare bambini

Sia che tu sei un genitore o un educatore, devi assolutamente leggere il libro scritto da Adele Faber e Elaine Mazlish, newyorkesi, esperte nella comunicazione intergenerazionale e allieve dello psicologo infantile Haim Ginott. Pagine che sono il frutto di un percorso di seminari e di conferenze tenute dalle autrici, oltre che della loro esperienza di genitori e degli incontri avuti con le famiglie.

L’argomento principale di Come parlare perché i bambini ti ascoltino & come ascoltare perché ti parlino (Mondadori, 2020) è la comunicazione tra genitori e figli, la mira è la modalità di ascolto e di dialogo empatico messa a confronto con la tendenza degli adulti di porsi in un atteggiamento di negazione dei sentimenti. Siamo realmente capaci di ascoltare l’altro?

In modo inconsapevole, succede che protraiamo o subiamo alcuni schemi di comunicazione nella vita di ogni giorno e che, diventati genitori, facciamo lo stesso con i nostri figli, chiudendoci dunque alla possibilità di realizzare una comunicazione e un dialogo sereno ed efficace con loro. Ti consiglio questo libro perché l’ho letto tutto d’un fiato e anche perché offre esempi concreti, raccontati attraverso diversi strumenti narrativi, come dialoghi, vignette, esercizi e storie di vita.

Ci si ritrova facilmente negli esempi descritti. Questi aiutano concretamente a comprendere come possa esistere una connessione diretta tra il modo in cui i bambini provano sentimenti e quello in cui si comportano. Intraprendere un dialogo che non neghi le emozioni provate, che non si premuri solo di offrire consigli o di sminuire o di imporre domande; diventa la chiave di svolta per ritrovarsi più sereni nella relazione e nelle conversazioni con i propri figli.

Se anche tu “eri una madre fantastica ma poi hai avuto dei figli”, non perdere questo bestseller che approfondisce in maniera unica gli stati d’animo dei bambini. Delle stesse autrici è anche il titolo: Come parlare perché i ragazzi ti ascoltino & come ascoltare perché ti parlino, Mondadori 2020.

Qual è invece il libro che è stato per te particolarmente significativo nel guidarti nel ruolo genitoriale? Racconta qui sotto nei commenti.

Autore

  • Ester

    Non sai cosa leggere? Cerchi racconti da leggere ad alta voce ai bambini? Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità editoriali? Vuoi conoscere i titoli da leggere almeno una volta nella vita? Allora tieni d’occhio le recensioni sul sito. You’re welcome!

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *