Racconti per Halloween. Tibia e Biagio

tibia-e-biagio

Tempo di lettura del post: 2 minuti

Halloween è alle porte e molti bambini si sono addentrati nella cupa e tetra atmosfera che caratterizza questa festa. Un’ulteriore occasione per stare insieme e divertirsi. Ci si ritrova attorno alla zucca col lumino, in giro per il quartiere per il dolcetto o scherzetto e ad ascoltare e leggere qualche storia “spaventooosa”. A proposito di queste ultime, nell’articolo ti propongo un nuovo racconti, appena letto, dell’editore Terre di mezzo. Iniziamo…

Tibia e Biagio. L’amicizia e servita!

Tibia e Biagio. L’amicizia e servita! è il racconto FINALISTA PRIX SORCIÈRES 2021 ed è scritto da Ludovic Lecomte e illustrato da Irène Bonacina, (Terre di mezzo Editore 2021). La traduzione italiana del titolo originale “Oscar et Carrosse” (L’école des loisirs, 2020) è curata da curata da Eleonora Armaroli. La lettura è consigliata a partire dai 5 anni.

Tibia, il protagonista, è uno scheletro che lavora al Luna Park, in pratica è uno “spaventatore” professionista. Hai presente la giostra del treno fantasma che viaggia in un tunnel in cui, dal nulla, spuntano le creature più terrificanti? Ecco, lui è proprio una di queste. Questo succede alla sera ma, quando è giorno, le parti s’invertono. Tibia è terrorizzato dalla vita alla luce del sole e ha ben ragione per esserlo. Per un branco di cani che si aggira intorno al parco, lui non è altro che un goloso mucchio di ossa da sgranocchiare. Quindi, ogni mattina, Tibia sfugge al desiderio di quei cani rifugiandosi al sicuro, nella sua accogliente roulotte.

Un giorno, un innocuo e gentile cagnolino si presenta davanti alla sua porta. Siamo alla pagina 14 dell’albo illustrato. Questo punto della storia è simile a quello che appare a pagina 19 del primo libro della serie che ha fatto sì che Eleonora Armaroli, la traduttrice, si appassionasse del racconto e, per questo, lo confermasse alla casa editrice italiana.

“Ecco, quando ho incontrato lo sguardo di Biagio a pagina 19 – desideroso di amare, di imparare tutto sul mondo, di trovare semplicemente un posto da poter chiamare “casa”- la mia reazione è stata esattamente quella dello scheletro Tibia: non ho potuto fare a meno di aprire le porte del mio cuore.” (E. Armaroli – Fonte: Terre di Mezzo Editore).

Tra Tibia e Biagio nasce un inaspettato legame di amicizia. Lo scheletro è anche un ottimo cuoco e dunque cucina per il suo amico a quattro zampe. Gli prepara la minestrina a forma di lettere dell’alfabeto (alzi la mano chi, da bambino, non l’ha mai mangiata). Quell’incontro diventa la loro routine e, giorno dopo giorno, aiutandosi con le lettere della pastina, Tibia insegna a leggere al tenero amico. Succede però che Biagio, un mattino, non si presenta alla sua porta. Ora che è in grado di leggere ha decifrato il cartello che Tibia tiene appeso sull’ingresso e che recita: “Vietato l’ingresso ai cani” e ci resta piuttosto male. Come potranno risolvere, i due, questa compresa incomprensione?

Approfondimenti: Eleonora Armaroli, traduttrice, racconta “Tibia e Biagio", 22 settembre 2021   

Titolo: Tibia e Biagio. L'amicizia e servita!
Autore, illustratore: Ludovic Lecomte, Irène Bonacina
Editore: Terre di Mezzo
Anno:

Autore

  • Ester

    Non sai cosa leggere? Cerchi racconti da leggere ad alta voce ai bambini? Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità editoriali? Vuoi conoscere i titoli da leggere almeno una volta nella vita? Allora tieni d’occhio le recensioni sul sito. You’re welcome!

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *